Come installare "Varnish" (acceleratore HTTP) ed eseguire test di carico utilizzando Apache Benchmark

Pensa per un momento a cosa è successo quando sei passato alla pagina corrente. Hai fatto clic su un link che hai ricevuto tramite una newsletter o sul link nella home page di Tecmint.com, e poi sono stati portati a questo articolo.

In poche parole, tu (o in realtà il tuo browser) hai inviato una richiesta HTTP al server web che ospita questo sito e il server ha inviato una risposta HTTP.

Installa Varnish Cache per Apache e Nginx

Per quanto semplice possa sembrare, questo processo implica molto di più. Bisognava fare molta elaborazione lato server per presentare la pagina ben formattata che puoi vedere con tutte le risorse al suo interno, statiche e dinamiche. Senza scavare molto più a fondo, puoi immaginare che se il server web deve rispondere a tante richieste come questa contemporaneamente (fate solo poche centinaia per i principianti), può portare se stesso o l'intero sistema a una scansione tra non molto.

Ed è lì che Vernice, un acceleratore HTTP ad alte prestazioni e proxy inverso, può salvare la giornata. In questo articolo ti spiego come installare e utilizzare Vernice come front-end per Apache o Nginx per memorizzare nella cache le risposte HTTP più velocemente e senza caricare ulteriormente il server web.

Tuttavia, poiché normalmente Varnish archivia la sua cache in memoria anziché su disco, dovremo fare attenzione e limitare lo spazio RAM allocato per la memorizzazione nella cache. Discuteremo come farlo in un minuto.

Come funziona la vernice
Come funziona la vernice

Installazione della vernice

Questo post presuppone che tu abbia installato un LAMPADA o LEMP server. In caso contrario, installa uno di questi stack prima di procedere.

  1. Installa LAMP in CentOS 7
  2. Installa LEMP in CentOS 7

La documentazione ufficiale consiglia di installare Varnish dal repository dello sviluppatore perché fornisce sempre la versione più recente. Puoi anche scegliere di installare il pacchetto dai repository ufficiali della tua distribuzione, anche se potrebbe essere un po' datato.

Inoltre, tieni presente che i repository del progetto forniscono solo supporto per 64 bit sistemi, mentre per 32 bit macchine dovrai ricorrere ai repository mantenuti ufficialmente dalla tua distribuzione.

In questo articolo installeremo Vernice dai repository ufficialmente supportati da ciascuna distribuzione. Il motivo principale alla base di questa decisione è fornire uniformità nel metodo di installazione e garantire la risoluzione automatica delle dipendenze per tutte le architetture.

Su Debian e Ubuntu
# aptitude update && aptitude installa vernice [prefazione di ogni comando con sudo su Ubuntu]
Su RHEL, CentOS e Fedora

Per CentOS e RHEL, sarà necessario abilitare il repository EPEL prima di installare Varnish.

# yum update && yum installa vernice 

Se l'installazione viene completata correttamente, avrai una delle seguenti versioni a seconda della tua distribuzione:

  1. Debian: 3.0.2-2+deb7u1
  2. Ubuntu: 3.0.2-1
  3. Fedora, CentOS e RHEL (la versione è la stessa di Varnish disponibile dal repository EPEL): v4.0.2

Infine, devi avviare Varnish manualmente se il processo di installazione non lo ha fatto per te e abilitarlo all'avvio.

Su Debian, Ubuntu, CentOS/RHEL 6.x e Fedora 15-20
# avvio vernice di servizio. # stato della vernice di servizio. # chkconfig --level 345 vernice attiva. 
Su CentOS/RHEL 7.x e Fedora 21
# systemctl avvia la vernice. # vernice di stato systemctl. # sistema abilita la vernice. 
Pagine: 12
Teachs.ru