GNOME Devs Mockup un moderno visualizzatore di immagini con strumenti di modifica

instagram story viewer

Già nel 2019 l'ho ritenuto Ubuntu ha bisogno di un visualizzatore di immagini migliore rispetto a quello che offre attualmente (che è Eye of GNOME, se non lo sapessi, un'app GNOME principale).

Ahimè, non è ancora successo. Ubuntu utilizza ancora un visualizzatore di immagini che non offre tutte le funzionalità dei sistemi operativi rivali (sì, anche il visualizzatore di immagini di ChromeOS può fare di più immediatamente).

Ma la speranza è all'orizzonte.

Il genio del design di GNOME Allan Day ha recentemente rivisto i suoi modelli per un'esperienza di "anteprima" dell'immagine GNOME più completa.

Prima di guardare al motivo per cui le sue proposte hanno eccitato un cretino come me, ho bisogno di lanciare un grande disclaimer rosso nelle tue vicinanze generali:

I mockup che vedi in questo post sono mockup. Niente mostrato qui è definitivo; non c'è codice impegnato, niente da provare e nessuna garanzia che ciò che vedi finirà mai da qualche parte in cui puoi usarlo. Non arrabbiarti per quello che vedi e non attaccarti troppo a come appaiono le cose.

Lo so, lo so: è ovvio affermare, giusto? Ma alcuni lettori passano direttamente alle immagini, quindi le pubblicano altrove con uno sfogo, il tutto partendo dal presupposto che si tratti di codice reale e funzionante o di un design concreto che non può essere modificato.

Ricorda: MOLTI mockup di GNOME sono cambiati radicalmente tra la loro concezione e la loro implementazione, e un numero ancora maggiore non è mai diventato nulla, quindi tienilo a mente!

Un visualizzatore di immagini che fa di più

Credito mockup: Allan Day
Credito mockup: Allan Day

Windows, macOS, ChromeOS, Android e iOS sono tutti forniti con app per la visualizzazione di foto che ti consentono di fare di più con un'immagine che semplicemente vederla. Tutti forniscono opzioni per ridimensionare, ruotare e ritagliare; alcuni ti consentono di aggiungere annotazioni, testo e callout; alcuni ti consentono persino di eseguire il miglioramento dell'immagine di base.

E non sono solo app autonome; le moderne app mobili che dispongono di un selettore di immagini (da Instagram a WhatsApp a Telegram a Twitter) ti danno anche la possibilità di modificare o modificare un'immagine prima di inviarla ovunque tu voglia.

Anteprima su macOS

Pertanto non è irragionevole chiedere ai moderni desktop Linux di tenere il passo e Ubuntu, che utilizza GNOME, non lo è eccezione a quella (va bene, penso di aver menzionato abbastanza Ubuntu per farla franca pubblicando questi modelli qui e Non sopra omgliux.com 😅).

Gli ultimi modelli di Allan sono una miniera di idee, che mostrano un insieme più ricco di funzionalità di quelle attualmente disponibili in qualsiasi app (che io sappia) al momento - capacità che mi piacerebbe accedere proprio dove vado attraverso le mie immagini (esistono editor di immagini dedicati, ma sono un martello piuttosto gigante per questo analogamente-unghia piccola):

  • Visualizza, naviga e ingrandisci/rimpicciolisci le immagini
  • Visualizza i metadati delle foto/le proprietà dei file
  • Ritaglia le immagini (rapporto libero e fisso)
  • Ruota/capovolgi le immagini
  • Ridimensiona le immagini
  • Regolazioni del livello di base (ad es. luminosità, contatto)
  • Strumenti di markup

Questa app di visualizzazione di immagini fantasy (che ricordo non esiste ancora) si adatterebbe magnificamente anche a dispositivi con schermo più piccolo, compresi quelli mobili in tutte le sue viste immaginarie:

Credito mockup: Allan Day

Ma per me il vero momento di "prendere a pugni l'aria come un campione di e-sport" deriva dal vedere gli strumenti di markup e annotazione incorporati disponibili su tela:

Credito mockup: Allan Day

Questi strumenti di modifica includono un pennello, luci, rettangolo, freccia e uno strumento di testo. C'è anche un semplice selettore colore e pulsanti Annulla/Ripristina sempre visibili sullo schermo.

Ovviamente il dibattito infuria su quanto "editing" può offrire un visualizzatore di foto prima che non sia più un visualizzatore ma uno strumento di editing dedicato.

Per me, i modelli di Allan raggiungono l'equilibrio perfetto. Quando apro un visualizzatore di immagini, di solito è il primo passo di una catena più grande, ovvero non sto visualizzando una foto particolare e quindi chiudendo l'app, sto cercando una foto particolare da utilizzare da qualche altra parte.

Mettere strumenti di modifica entro l'app che si usa per visualizzare le immagini è, IMHO, utile. Sono lì quando ne hai bisogno e fuori mano quando non ne hai bisogno.

La cosa più vicina per i desktop GNOME in questo momento è il visualizzatore di immagini di Shotwell. Se fosse un po' più moderno (cioè GTK4), avesse strumenti di markup e fosse più bravo a navigare in un gruppo di immagini per rapidi confronti, sarei felice di ciò che esiste attualmente.

Ma invece, sono qui a struggerlo questi modelli fai il salto dal design al desktop.

Tutto Ubuntu, ogni giorno. Dal 2009.

Teachs.ru